art
Comment 1

Lori Nix // Another World

Laundromat at Night, 2008, from The City series, cm 76×99

A big devastated shopping center, a typical American mall fell into ruin. One day, someone must have gone right there to photograph in order to prove this miserable decline, in a clear and rigorous way. This someone, placed his easel just at the entrance of the big central hall, where there were the stores located in lines on two doors. That is what he saw: a huge triangular rip on the ceiling, from which now comes out the light of a pale sky; rubble on the door, where moss, lichen and weeds have already overrun; long window lined balconies with no more railings, with stores without shop windows and where still peep out dummies like ghosts; whitish scraped walls; a double wretched escalator infested with weeds; and, almost in the middle, there is a mess of lush tropical vegetation, that has grown pervasively until the wrecked ceiling and that culminates with a huge leave of a banana tree. As it were a jock, the tree is close to a small abandoned store with a banana-shape sign, where once were presumably sold banana juices and milkshakes. With meticulous accuracy, the eye of the photographer wanted to capture that desolate scene, exactly as it appeared to him, without tricks or particular scenic effects, just showing the stark reality. The result is so forceful that we have the impression to feel the agonizing sense of void and the oppressive silence of the rubble, that once were bursting with life and now they are rather deserted, because of some disasters happened who knows when (maybe a bankrupt or a terrorist attack?). All in all, the nourishing and exuberant vegetation in the middle of the rubble, seems to lend an ironic and surreal vitality, that dulls the scenery of death with a slight humor.

And what about the eyes of the photographer? What they want to show us? And also, what they want to see? If you strive to look these pictures really carefully, what do you see? Sooner or later, we all understand that there is definitely something “too strange” in these kind of unusual scenes.

Finally, it’s clear that these pictures don’t show real places or landscapes that really exist somewhere in the world: never did the artist want to represent places or events really happened in America. It is plain that all these pictures are nothing more than artificial and unnatural scenes realized inside the atelier. Despite of this discovery, nothing is solved, because even if you reveal this simulation, the reality effect that these pictures surprisingly show, it is not canceled,on the contrary, it is paradoxically stronger. As we were in front of scenes that the more are manifestly artificial the more are real.

Lori Nix was born in Norton, a city in the western Kansas, a country particularly famous for its natural disasters, as Lori said with a touch of irony: snowstorm, floods, hurricane, drought and insect invasion. The natural disasters were alarming for every adult, however, they are source of excitement for the little Lori, who was very fond of apocalyptic movies like “Planet of the Apes” or “trapped”. She was so keen on natural calamities, that this attraction could have turned in a neurotic obsession, but fortunately, it became rather a source of a prolific artistic inspiration for her future works. Working for her college newspaper, Lori Nix understood very soon that she wasn’t a real photo reporter, who should be always “in the right place at the right moment” in order to shoot effectively a dramatic event. While she was studying pottery, she caught that her natural disposition was the laboratory work, in order to create from nothing objects that didn’t exist before.

“I wish to create pictures, I don’t want to search to find them. I have a fondness for representing pictures that belong to my world and not to the world out there.”
 Therefore, since the beginning of 90s, Lori Nix started creating her fist small-scale model, a real diorama, where each element is made with her hands and it’s put meticulously into a small-scale scene, that it is so accurate in every particular, that it seems to be practically identical to a real scene, that could belong at the real world.

The characters in Lori Nix imaginary landscapes represent a possible, desolate, deserted and threating future, they look always as they were an old memory of a past, that is definitely lost and that we had really loved before. Those squalid laundromats covered by rubble, those churches and those destroyed libraries, last trace of a dead world, don’t arouse scare and horror: Lori Nix manages to represent these places with tenderness and compassion. We feel that they are our places, where we lived and where we felt really good, they belong to us.

Find out more at Gallery Paci Contemporary.

“The photographs I create do not reflect the tradition of the grand idyllic landscape. Rather than showing the beautiful or heroic vista, I look to the darker corners of life. I am interested in the forces of entropy, in the ruins left in the wake of human portence of grandeur.
In my current series The City, I focus on the ruins of urban landscapes. I have chosen the spaces that celebrate modern culture, knowledge, and innovation: the theater, the museum, the library and the vacuum cleaner showroom. Here the monuments of civilization and material culture are abandoned, in a state of decay and ruin, with natural elements such as plants, insects, and animals beginning to re-populate the spaces. This idea of paradise lost, or the natural world reclaiming itself, becomes more forceful as we face greater environmental challenges in the world around us.”

All pictures © Lori Nix


// Un grande centro commerciale in disfacimento, un tipico mall americano, finito però in rovina. Qualcuno un giorno dev’essere andato a fotografarlo, per documentare in modo nitido e rigoroso la sua penosa fine. Ha posizionato il cavalletto all’ingresso della grande sala centrale, dove si affacciavano le file dei negozi disposti su due piani, ed ecco cosa ha visto: un enorme squarcio triangolare sul soffitto da cui ora filtra la luce di un cielo pallido; calcinacci sul pavimento, dove già si sono diffusi muschi, licheni ed erbe; balconate senza più ringhiere, coi negozi ormai privi di vetrate, ma da dove occhieggiano ancora fantasmatici manichini; pareti biancastre tutte scrostate; una doppia, misera scala mobile invasa dalle erbacce; e, quasi nel centro, proteso verso la luce del soffitto divelto, un groviglio lussureggiante di piante dalla foggia tropicale, che culmina con le foglie enormi di un banano, cresciuto quasi per beffa accanto all’insegna in forma di banana di un negozietto abbandonato, dove si vendevano presumibilmente succhi di frutta e frappè appunto di banane… Con puntigliosa precisione, l’occhio del fotografo ha voluto ritrarre questa scena desolata esattamente così come gli si è presentata davanti, senza trucchi o particolari effetti scenici ma con crudo realismo. E il risultato è talmente efficace che a noi pare di percepire tutto il vuoto angoscioso, il silenzio opprimente di queste macerie un tempo brulicanti di vita, e ora rimaste deserte in seguito a un qualche disastro (una bancarotta? un attacco terroristico?), avvenuto chissà quando. Anche se quel festone rigoglioso di vegetazione esuberante e allegra, sembra aggiungere un tocco di surreale e ironica vitalità a una scenografia che malgrado tutto non risulta poi così mortifera come dovrebbe essere, bensì temperata di umorismo lieve.

Ma gli occhi del fotografo? Che cosa ci hanno voluto mostrare, che cosa hanno voluto veramente vedere? E noi, a nostra volta, seguardiamo con ancora più attenzione queste immagini, di che cosa ci accorgiamo? Certo, niamo tutti per renderci conto, prima o poi, che c’è qualcosa di “troppo strano” in simili scene già di per sé abbastanza inusitate.

Alla fine è inevitabile concludere che simili fotografie non ritraggono luoghi reali, panorami esistenti in qualche parte del mondo: non hanno mai voluto documentare località ed eventi accaduti nell’una o nell’altra parte dell’America. È evidente: tutte queste non possono essere altro che immagini finte, costruite, realizzate in studio. E tuttavia tale scoperta non risolve nulla. Perché il disvelamento della simulazione non cancella, ma anzi intensifica paradossalmente l’effetto di verità, di fortissimo realismo che continua misteriosamente ad accompagnare queste immagini.

Lori Nix ha passato l’infanzia in una regione rurale famosa soprattutto – come lei racconta con una punta d’ironia – per i suoi disastri naturali: tempeste di neve, inondazioni, uragani, siccità, invasioni d’insetti. Un disastro angoscioso per gli adulti, ma fonte di eccitazione invece per lei bambina, che oltretutto si divertiva a seguire in televisione film di soggetto apocalittico, come “Inferno di cristallo” o “Il pianeta delle scimmie”. Tanto da sviluppare a poco a poco, nei confronti delle catastrofi , un’attrazione che si sarebbe potuta trasformare in ossessione nevrotica se non fosse divenuta invece fonte feconda di ispirazione artistica per le sue opere future. Lavorando da ragazza per il giornale del college presso cui studiava, Lori Nix ha capito ben presto che le mancava la stoffa del vero fotoreporter, capace di precipitarsi “nel posto giusto al momento giusto” per rappresentare con efficacia il dramma di un evento in atto. Studiando ceramica si accorge infatti che la sua vera vocazione sta nel lavoro di laboratorio, dove si possono costruire dal nulla oggetti inesistenti.

Così, fin da primi anni Novanta, Lori Nix costruisce di volta in volta, nel proprio studio, un singolo modellino, un vero e proprio diorama, dove ogni elemento, da lei fabbricato appositamente a mano, viene inserito con la massima cura all’interno di una scena in miniatura talmente accurata, in ogni suo minimo particolare, da risultare apparentemente identica a una scena osservata davvero nel mondo esterno. Lori Nix ammette che le occorrono ben sei, sette mesi per realizzare ogni volta – con il prezioso aiuto della sua compagna Kathleen Gerber – un unico diorama, concepito per essere guardato da un preciso punto di vista, dove collocare la macchina fotografica. Solo una volta finito – con tutte le parti in perfetta scala e in perfetto rapporto le une con le altre – il diorama viene fotografato con una macchina di grande formato per ottenere infine un’immagine che deve risultare a propria volta perfetta, definitiva, senza bisogno di alcun intervento digitale.

I paesaggi immaginari di Lori Nix rappresentano sì un futuro possibile e minaccioso, disabitato e desolato, ma riescono a farlo dandogli l’aspetto di un ricordo lontano, di un passato irrimediabilmente perduto e al tempo stesso molto amato. Quelle squallide lavanderie a gettone ingombre di macerie, quelle dolenti chiese o quelle biblioteche distrutte, ultimi residui di un mondo defunto, non suscitano solo spavento e raccapriccio: Lori Nix, infatti, riesce a tutti questi luoghi con affetto, con compassione. Ce li fa sentire come posti a cui un tempo eravamo tanto affezionati, perché erano proprio i nostri, erano quelli in cui vivevamo, in cui ci sentivamo bene.

L’ artista è attualmente in mostra presso la Galleria Paci Contemporary.

“Le fotografie che creo non riflettono il modello dei grandiosi paesaggi idilliaci tradizionali, ma piuttosto offrono la bella ed eroica visuale che si può osservare dall’angolo più scuro della vita. Sono interessata alle forze entropiche e alle rovine lasciate dalla scia delle manie di grandezza dell’uomo. Nella mia ultima serie The City, mi sono focalizzata sulle rovine di paesaggi urbani, scegliendo spazi che celebrano la cultura moderna, la conoscenza, l’innovazione, come per esempio: teatri, musei, biblioteche e espositori di aspirapolveri. Qui i grandi monumenti della civilizzazione e della cultura materiale sono lasciati in uno stato di abbandono totale, di decadenza e di rovina, il tutto aggiungendo elementi naturali quali piante, insetti ed animali che stanno cominciando a riappropriarsi dei loro spazi. Questa idea di un paradiso andato perduto o di un mondo dove le forze della natura reclamano il loro spazio, diventa ancora più efficace se pensiamo alla sfida da ambientale che il mondo intorno a noi oggi ci pone.”

Mall, 2010, from The City series, cm 76×109
Subway, 2012, from The City series, cm 76×96
Vacuum Showroom, 2006, from The City series, cm 76×97
Museum of Art, 2005, from The City series, cm 76×101
Aquarium, 2007, from The City series, cm 101×132
Beauty Shop, 2010, from The City series, cm 76×99
Beauty Shop with Hand, 2010, from The City series, cm 76×99

Back to: art // home

1 Comment

Share your opinion!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s