design
Leave a Comment

4 questions 4 a restart

“What is essential is invisible to the eye”, the Little Prince repeated, so that he would be sure to remember.
In a changed world right ahead of us, we will be pay more attention to the essential or we’ll continue to chase the new, no matter what and faster than others?

We asked 4 simple questions to 4 key characters in the design and fashion land. Find out how they think this time being will affect us and the world of design.


Will the priorities change?
“We’re living a historic period of time on a global scale, but I don’t think it has changed the priorities, instead it got them emphasized, it speeded them up. Environmental sustainability is essential and compelling.
In a globalized system like the one we live in, it is important that the awareness of everyone, that already exists, pushes those who have both political and economic power to act right away in order to change the route deeply and radically. This won’t be a reverse, instead a new perspective, possible now also thanks to science and technology put at the service of man and not of the world capital and of the exploitation of resources at all costs. It is a responsibility engaging everyone and it should inspire every single choice. All together we must establish new rules for the planet.”
What attitude should brands, designers and communication managers take on?
“For Moroso the environment has been an important topic for some time now. We produce padded products and we are obliged to use lots of non-friendly materials to produce them. We look for alternatives, which are not always feasible, but when we find more virtuous solutions, we introduce them. There are new small companies that apply studies, research and inventions to develop innovative and ecological materials. They are growing, even if the costs are still high, and we promote them by including them in our experimentation. This cannot obviously be an immediate change, but we’ve taken the right direction: reducing harmful materials, introducing new eco-friendly solutions, working with green certified suppliers, for example Ecolabel in Europe. For this year’s Salone del Mobile our stand was supposed to be a sort of manifesto of intentions, the whole structure built using a material patented by Kvadrat, one of our most important suppliers. Ours projects are unique with a contemporary aesthetic-formal appearance consistent with the spirit of our time.”
What responsibility would you have?
“Our commitment, never set aside from the project, act as an incentive. On one hand towards our suppliers that we select because of their trustworthiness, commitment and care for research, on the other hand towards the designers that we involve in experimentation. More and more we will start the design process from the material; no longer from an abstract idea but from what we have available and that is sustainable. Creativity will be at the service of new materials.”
What will your next brainstorming be about?
“At the next open meeting we will certainly take stock of the situation by trying to examine projects related to sustainability from different points of view, including the commercial one, always a basic aspect for a company. All together we will try to see if new ideas can flow into a shared project.”
Question in the wind:
“To posterity: Are you aware your grandparents tried their hardest to change? I’m hoping for an affirmative answer.”

www.moroso.it

〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉

Will the priorities change?
“The epidemic caught us all unprepared and this will result in a new awareness. We had to accept our certainties were actually based on extremely fragile basis: freedom of movement, modern medicine, the cooperation between western countries suddenly seems to show signs of weakening. All of this will guide our choices.”
What attitude should brands, designers and communication managers take on?
“The important change will be in the global production network. Some industry, especially electronics and automotive, but not only them, share a supply chain on a global scale that allowed a maximization of costs but turned out to be very weak when the emergency went viral. Today companies are already planning a comeback to a local production. Not being able anymore to take advantage of the cost effectiveness of producing components in foreign countries where labor is cheaper, design project should be take into account a different cost of materials and production in general.
For the ones in the communication field, wider horizons will open. Without a doubt, traveling will no longer be the same, even when this temporary situation will be over. It will be necessary to reach the most distant interlocutors using more efficient and focused and at the same time innovative ways.”
What responsibility would you have?
“Both the Covid-19 pandemic and the ongoing climate change (which we temporarily forget about, but that is the most important issue to deal with in this time period) make it necessary to respond with a new sustainable design ability. For sure “sustainability” is an overused term, but still a key concept. Designers, creative directors and entrepreneurs have to reflect on what “sustainable” entails, avoiding this to become a catch phrase devoid of actual contents.”
What will your next brainstorming be about?
“These days too we’re committed to conceive future products, as well as updated ways to present them. For all designers, necessities are a great incentive. We strongly hope for a cultural change like the one our country experienced in the postwar period.”
Question in the wind:
“Will the season coming after this difficult time have a new aesthetic as well?”

www.calvibrambilla.it

〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉


Will the priorities change?
“We always tend to miss what we can not have: this unprecedented situation has given us the gift of more time for ourselves but deprived us of social and personal interactions, while overall slowing down the rhythm of our lives which were often hyperpaced. As a result we will prioritize now the quality of proper human and professional relationships, putting more time, depth, authenticity and care in whatever we do together. In general, we are going to give more values to things which really matters.”
What attitude should brands, designers and communication managers take on?
“This whole situation has been a major wake up call for mankind, forcibly showing us that after all it is possible to slow down, to consume less and be more sustainable after decades constant acceleration and excessive consumerism. Unfortunately this lesson came with a heavy and painful price, but there is still a silver lining and our duty is to drive the system toward values such as sustainability, recycling, reusing, usage of renewable and natural materials as well as promoting craftsmanship.”
What responsibility would you have?
“Our job is to help companies and brands to thrive by creating and telling a story: I feel more and more the responsibility to base this activity on the communication of real values which can contribute not only to the image and the success of my clients but can as well spread a positive message and help, even if for a tiny bit, to make this world a better place.”
What will your next brainstorming be about?
“The next challenge on which I will need to brainstorm with my team will be how to structure efficiently and effectively our activities with a combination of smart working and social distancing once we will be able somehow to go back to the office.”
Question in the wind:
“How long will it take before we can enjoy hugging again our old and new friends?”

www.smith-petersen.com

〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉

Will the priorities change?
“What we are living right now is surely making us think of our priorities, what is really important. The design world will adapt even more to this new condition keeping in mind of the essential elements: the well being of human beings and the environmental safeguard.
We will learn to give more space and value to these paradigms.”
What attitude should brands, designers and communication managers take on?
“Right now it is fundamental to be resilient and carry on with your projects in a way or another. It might have to be by giving it a different shape, in line with this moment in time. All the creative ideas that we can come up with can then be realized once possible. It is important to show that we are carrying on, that we are present no matter what. Social networks are very useful in this and are helping us a lot. All the main characters of the design world have a chance to express their own opinions and comunicate aspects that are focused more on the human being rather than the simple project in itself. We are rediscovering the humanity of the individual.”
What responsibility would you have?
“I like to see our role as mediators between progress and creativity.
Since the beginning, the goal of our project was that of connecting professionals with other professionals, the general public and design lovers. I wish PalermoUno can become the heart for high standard new cooperations that can turn into innovative and interesting projects.”
What will your next brainstorming be about?
“I think brainstorming is a constant state of mind for our working process and right now even more. Each idea and projects need to be analysed and discussed from different points of view. Right now we are focused on how to boost PalermoUno’s digital version through, the website the e-commerce and instagram. Later we shall be focusing on the creativity of the physical set up that we hope to present in September. We really wish that by then the global situation will have improved this way we could cooperate with international brands too, like we have always been.”
Question in the wind:
“How important can design be in a world shaped by social distancing?”

www.palermouno.it


// ”L’essenziale è invisibile agli occhi”, ripeté il Piccolo Principe, salutando la Volpe.
Nel mondo mutato che ci si prospetta, faremo più attenzione all’essenziale o continueremo a rincorrere il nuovo a tutti i costi e prima degli altri?
4 domande a 4 figure chiave nel mondo del design e della moda.

Patrizia Moroso | Art Director di Moroso
Cambieranno le priorità?
“Stiamo vivendo sicuramente un evento epocale di dimensione planetaria, ma non credo che abbia cambiato le priorità, piuttosto le ha accentuate, accelerate. La sostenibilità ambientale è centrale e urgente. In un sistema globalizzato come quello in cui viviamo è importante che la consapevolezza di ognuno, che già esiste, spinga chi ha in mano le leve del potere politico ed economico ad agire subito, a cambiare profondamente e in modo radicale la rotta. Non si tratta di una retromarcia, ma di una nuova prospettiva, possibile anche grazie alla scienza e alla tecnologia messe a servizio dell’uomo e non del capitale mondiale e dello sfruttamento delle risorse a tutti i costi. E’ una responsabilità che coinvolge tutti e che dovrebbe ispirare ogni singola scelta. Tutti insieme dobbiamo stabilire nuove regole per il pianeta.”
Quale atteggiamento dovrebbero assumere produttori, progettisti, designers e addetti alla comunicazione?
“Per Moroso l’ambiente è un argomento importante già da tempo. Noi produciamo imbottiti e per farli siamo obbligati a usare molti materiali non-friendly. Cerchiamo alternative, non sempre possibili, ma quando troviamo soluzioni più virtuose le introduciamo. Esistono nuove piccole aziende che applicano studi, ricerche e invenzioni per sviluppare materiali innovativi ed ecologici. Stanno crescendo, anche se i costi sono ancora alti, e noi le promuoviamo inserendole nella nostra sperimentazione. Non si tratta ovviamente di un cambiamento immediato, ma la direzione è presa: diminuire i materiali dannosi, introdurre nuove soluzioni eco-friendly, collaborare con fornitori certificati con marchi di qualità ecologica, per esempio Ecolabel in Europa. Per il Salone del Mobile di quest’anno il nostro stand avrebbe dovuto essere una sorta di manifesto delle intenzioni, l’intera struttura costruita utilizzando un materiale brevettato da Kvadrat, nostro importante fornitore. I nostri sono progetti speciali con un aspetto estetico-formale contemporaneo coerente con lo spirito del nostro tempo.”
Che ruolo potrebbe avere il vostro impegno?
“Il nostro impegno, mai disgiunto dal progetto, ha un ruolo di stimolo. Da una parte verso i nostri fornitori che selezioniamo perché seri, responsabili e dediti alla ricerca, dall’altra verso i designer che coinvolgiamo nella sperimentazione. Sempre più si partirà dal materiale per progettare; non più da un’idea astratta ma da ciò che si ha a disposizione e che sia sostenibile. La creatività a servizio dei nuovi materiali.”
Il soggetto del prossimo brainstorming?
“Nella prossima riunione allargata faremo sicuramente il punto della situazione cercando di analizzare i progetti legati alla sostenibilità da più punti di vista, anche da quello commerciale che resta per un’impresa un aspetto fondamentale. Tutti insieme cercheremo di vedere se le nuove idee possono confluire in un progetto condiviso.”
Domanda al vento
“Ai posteri: vi siete accorti che i vostri nonni ce l’hanno messa tutta per cambiare? Spero in una risposta affermativa.”

〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉
Fabio Calvi e Paolo Brambilla | Calvi Brambilla
Cambieranno le priorità?
“L’epidemia ha colto tutti impreparati, avremo sicuramente una nuova consapevolezza. Abbiamo dovuto accettare che le nostre certezze sono in realtà basate su fondamenta molto fragili: la libertà di movimento, la capacità della medicina moderna, la cooperazione tra i Paesi occidentali improvvisamente sembrano dare segni di cedimento. Questo orienterà le nostre scelte.”
Che atteggiamento dovranno assumere produttori, progettisti, designers e addetti alla comunicazione?
“Il grande cambiamento sarà nella rete di produzione. Alcuni settori – in particolare l’elettronica e l’automotive, ma non solo – hanno una catena produttiva distribuita su scala mondiale che ha permesso l’ottimizzazione dei costi ma che si è rivelata incredibilmente fragile di fronte ad una situazione di emergenza come quella che stiamo vivendo.
Già oggi le aziende stanno pianificando un ritorno alla produzione locale. Non potendo più di approfittare della convenienza economica delle componenti prodotte in paesi dove la mano d’opera è più conveniente, il progetto di design dovrà tenere conto di un differente costo dei materiali e del costo di produzione in genere.
Per chi si occupa di comunicazione si apriranno invece orizzonti molto più ampi, perché certamente gli spostamenti, anche quando la situazione contingente sarà risolta, non torneranno più ai livelli di prima: sarà necessario raggiungere in maniera più efficiente e mirata gli interlocutori più distanti con modalità inedite.”
Che ruolo potrebbe avere il vostro impegno?
“Sia l’epidemia di Covid-19 sia il cambiamento climatico in corso (di cui ci siamo momentaneamente dimenticati, ma che comunque è il tema più grande che dobbiamo affrontare in questo periodo storico) rendono definitivamente necessario rispondere con una nuova capacità progettuale sostenibile. Certamente “sostenibilità” è un termine abusato, tuttavia rimane un concetto chiave. Compito di ogni progettista, direttore creativo o imprenditore è approfondire con serietà che cosa comporta, evitando che diventi uno slogan privo di contenuti oggettivi.”
Il soggetto del prossimo brainstorming?
“Anche in questi giorni siamo impegnati nell’immaginare i prodotti del futuro, nonché modalità rinnovate per la presentazione degli stessi. Per tutti i progettisti le condizioni di necessità sono uno stimolo formidabile. Speriamo che si apra una stagione di rinnovamento culturale come quella che il nostro Paese ha vissuto nel dopoguerra.”
Domanda al vento:
“La nuova stagione che si aprirà dopo la fine di questo periodo difficile avrà anche un’estetica nuova?”
〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉
Noona Smith Petersen | Smith-Petersen PR & Communication
Cambieranno le priorità?
“Sentiamo sempre la mancanza di quello che non possiamo avere: questa situazione inedita ci ha regalato più tempo da dedicare a noi stessi ma privato delle relazioni sociali e personali, e soprattutto ha rallentato il ritmo delle nostre vite, molto spesso superveloce. Di conseguenza ora tenderemo a dare priorità alla qualità dei veri rapporti umani e professionali, dedicandovi più tempo, intensità, sincerità e attenzione in qualunque cosa faremo insieme. In generale daremo più valore alle cose che contano davvero.”
Che atteggiamento dovranno assumere produttori, progettisti, designers e addetti alla comunicazione?
“La situazione contingente ha agito da vera e propria sveglia per il genere umano, dimostrandoci, forzatamente, che è possibile rallentare, consumare meno ed essere più sostenibili dopo decenni di costante accelerazione e consumismo sfrenato. Purtroppo abbiamo pagato la lezione un alto e doloroso prezzo, tuttavia c’è un lato positivo e ora il nostro compito è di guidare il sistema verso valori come la sostenibilità, il riciclo, il riuso, l’utilizzo di materiali rinnovabili e naturali e allo stesso tempo promuovere l’artigianato.”
Che ruolo potrebbe avere il vostro impegno?
“Il nostro compito è quello di aiutare aziende e brand a crescere scrivendo e raccontando una storia: sento fortemente la responsabilità di fondare questa pratica sulla comunicazione di veri valori che possano contribuire non solo ad accrescere l’immagine e il successo dei miei clienti ma anche a diffondere un messaggio positivo e aiutare, anche se in piccola parte, a rendere questo mondo un posto migliore.”
Il soggetto del prossimo brainstorming?
“La prossima sfida su cui raccoglierò idee insieme al mio team verterà su come strutturare in maniera funzionale ed efficace le nostre attività combinando smart working e social distancing una volta che potremo, in un modo o nell’altro, rientrare in ufficio.”
Domanda al vento:

“Tra quanto tempo potremo tornare ad abbracciare i nostri vecchi e nuovi amici?”

〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉〉
Sophie Wannenes | PalermoUno
Cambieranno le priorità?

“Sicuramente la situazione attuale ci sta facendo riflettere su cosa veramente conta. Il mondo del progetto si adatterà sempre di più a questa nuova condizione tenendo presenti degli elementi imprescindibili: il benessere della persona e la salvaguardia ambientale. Impareremo a dare sempre più spazio a questi paradigmi nell’ideazione di nuovi progetti.”
Quale atteggiamento dovrebbero assumere produttori, progettisti, designers e addetti alla comunicazione?
“Credo che in questo momento sia fondamentale essere resilienti e non fermarsi, portare avanti i propri progetti e magari dare loro una nuova forma, alternativa e in linea con il tempo che stiamo vivendo. Tutte le belle idee che possono scaturire da questo periodo di quarantena potranno essere realizzate non appena sarà possibile ricominciare; intanto è giusto continuare a esserci, mostrarsi presenti. Il digitale in questo ci aiuta molto, attraverso i social network tutte gli attori che ruotano intorno al mondo del design hanno modo di esprimere la propria visione e comunicare aspetti più focalizzati sulla persona che sul semplice progetto. Stiamo riscoprendo l’umanità degli individui.”
Che ruolo potrebbe avere il vostro impegno?
“Cerco di vedere il nostro ruolo in questo momento come mediatori tra creatività e progresso. L’obiettivo del nostro progetto è stato fin dall’inizio quello di mettere in contatto diretto i professionisti con il grande pubblico, appassionati e interessati. Auspico che PalermoUno possa diventare la fucina per nuove collaborazioni di alto livello che possano trasformarsi in progetti interessanti e innovativi.”
Il soggetto del prossimo brainstorming?
“Quello del brainstorming è un momento costante del nostro processo lavorativo, soprattutto adesso. Credo che ogni idea e progetto debbano essere considerati e discussi da punti di vista diversi. Al momento stiamo pensando a come potenziare PalermoUno nella versione digitale, attraverso il sito, l’e-commerce e Instagram, per proiettarci poi allo sviluppo del nuovo allestimento fisico, che speriamo di poter presentare a settembre. Confido che per quel periodo la situazione sia migliorata a livello globale per poter coinvolgere non solo brand italiani ma anche internazionali con cui siamo soliti collaborare.”
Domanda al vento:
“Che importanza potrà avere il design in un nuovo mondo caratterizzato dal social distancing?”


Back to: design // home

Share your opinion!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s